Mission

Condividi

Quali obiettivi ci diamo

Campobase1000 si fonda sull’ipotesi che, per dare spazio a modalità sperimentali di abitare i territori svuotati dall’abbandono, sia necessaria una progettualità innovativa, che metta in sinergia risorse locali sottoutilizzate e appropriate competenze tecnico-scientifiche e artigianali.

In questa prospettiva Campobase1000 elabora servizi e progetti che mirano allo sviluppo locale di località montane attraverso l’integrazione più adatta di strategie per:

  • il riconoscimento e la valorizzazione delle risorse primarie e storiche, puntando progettualmente sulle specificità territoriali e sulla reinterpretazione dei segni della tradizione e dei valori di riferimento degli insediamenti, anche in condizioni di abbandono;
  • la riabilitazione di interi insediamenti, costituiti dai nuclei costruiti e dalle loro pertinenze agroforestali, sperimentando sweet technologies costruttive e di coltivazione, per coinvolgere un’utenza interessata a esperienze abitative innovative;
  • lo sviluppo delle competenze locali in materia di pratiche costruttive e di coltivazione, di organizzazione dell’accoglienza e della presentazione delle risorse locali, attraverso nuove modalità di formazione professionale e reti di scambi di buone pratiche operative;
  • la promozione della conoscenza diffusa dei territori montani interessati dai progetti, partecipando a reti per il turismo itinerante e l’organizzazione di eventi culturali, sportivi e per il tempo libero, capaci di attrarre fruitori urbani nelle fasce di mezza montagna.

Come lavoriamo

Per perseguire gli obiettivi Campobase1000 collabora con chi si impegna per la valorizzazione di specifiche situazioni locali montane (siano Enti, Associazioni o privati), mettendo in campo tecnici con elevata professionalità nella progettazione e nella cura degli interventi, elaborando una specifica metodica di sistematizzazione delle conoscenze, di sperimentazione tecnologica e operativa, di competenza nelle procedure amministrative a livello locale e internazionale.

Si curano gli aspetti di fattibilità delle iniziative proposte, mettendo in campo contatti e informazioni utili per reti locali o tematiche di offerta (ad es. itinerari, produzioni di nicchia, tecnologie sperimentali) sia per la ricerca di contributi (ad es. bandi comunitari, crowfunding).

Campobase1000 è organizzato secondo un modello di rete integrata che comporta due ambiti di lavoro, in sinergia costante:

  • gruppi operativi composti ad hoc, sulla base delle esigenze di progettualità e di competenze necessari per ambiti di intervento, che dialogano con municipalità, Gal e altri soggetti (gli investitori, gli amministratori, i controllori) interessati a progetti specifici,
  • una rete di promozione di conoscenze, opportunità e buone pratiche per la valorizzazione degli insediamenti montani, che dialoga con regioni e sedi comunitarie, associazioni di categoria e del III settore, fondazioni bancarie e centri di ricerca e formazione.

Come comunichiamo

Campobase1000 attribuisce molta importanza alla comunicazione delle proprie strategie, dei progetti e degli interventi, in particolare con un target di operatori pubblici e privati che costituiscono l’ambito dei potenziali collaboratori e interlocutori interessati.

A questo fine Campobase1000:

  • è inserita nella rete degli enti e dei soggetti associativi che già operano nell’ambito dei Comuni montani e nei circuiti di conoscenza e di promozione culturale presenti sul territorio a livello regionale e locale;
  • collabora con simili soggetti associativi in Europa, comunicando in modo mirato le migliori pratiche già sperimentate in altri luoghi che affrontano specifiche problematiche di ciascun intervento, e viceversa diffondendo i risultati delle esperienze dell’Associazione;
  • comunica le proprie iniziative attraverso le risorse della rete web per raggiungere i soggetti pubblici e privati che si occupano di territorio montano, di amministrazione, di turismo sostenibile e di formazione professionale per cantieri edili e gestione agricola.

 

Lascia un commento